La Giuria Internazionale chiamata a deliberare su due proteste di Luna Rossa Challenge

Luna Rossa Challenge 2013 © Chris Cameron / Emirates Team New Zealand

La Giuria Internazionale della 34ma America's Cup è stata chiamata in causa da Luna Rossa Challenge che nei giorni passati ha presentato due proteste. I contenuti delle stesse sono riassunti qui sotto:


Luna Rossa protesta ORACLE TEAM USA per spionaggio


La Giuria Internazionale della 34ma America's Cup è stata interpellata da Luna Rossa Challenge affinché consideri la protesta presentata dal team italiano contro ORACLE TEAM USA relativamente alla presunta opera di spionaggio effettuata da un componente del team statunitense con modi contrari a quanto stabilito dal Protocollo.


Il Protocollo stabilisce che, nel corso degli allenamenti e in ogni caso durante l'attività svolta lontana dai campi di regata, ai team e ai loro rappresentanti è fatto divieto di navigare a meno di 200 metri dalle barche avversarie. Secondo Luna Rossa, durante una sessione di allenamento svolta ad Auckland l'8 novembre scorso, un rappresentante di ORACLE TEAM USA si è portato a 105 metri di distanza dall'AC72 del team italiano per scattare foto.


A supporto della sua protesta, Luna Rossa ha presentato due supplementi: uno contenente una foto nella quale si vede una persona intenta a scattare foto all'AC72 italiano a una distanza, secondo il team, inferiore ai 200 metri. La distanza è stata calcolata in base alla lunghezza della focale della lente impiegata, alla profondità della foto e alle dimensioni della striscia rossa dipinta sugli scafi della barca armata dal team di Patrizio Bertelli. Nel secondo, Luna Rossa presenta la corrispondenza intercorsa tra i suoi rappresentanti e il rule advisor del team a stelle e strisce in merito all'incidente.


Luna Rossa ha formalmente chiesto alla Giuria Internazionale di penalizzare ORACLE TEAM USA per aver "premeditatamente violato le disposizioni fissate dal Protocollo sotto l'Articolo 37.2(g)".


Dal canto suo, ORACLE TEAM USA nega che uno dei suoi rappresentanti si sia portato a meno di 200 metri dalla barca avversaria, aggiungendo che il Protocollo non pone limitazione alcuna circa la possibilità di acquisire materiale foto-video quando uno yacht si trova a più di 200 metri dai rappresentanti del team avversario.


La Giuria non ha ancora fissato un'udienza, ma nel frattempo ha chiesto ai team di presentare memorie circa l'accaduto.


Luna Rossa protesta per i cambi di programma


Luna Rossa Challenge ha presentato una protesta davanti alla Giuria Internazionale contro le modifiche che l'America's Cup Event Authority, il Golden Gate Yacht Club e il Regatta Director Iain Murray hanno apportato al calendario ufficiale delle America's Cup World Series.


Secondo Luna Rossa, la cancellazione dell'evento previsto nel maggio 2013 in Italia e l'aggiunta di due eventi consecutivi negli Stati Uniti a cavallo tra maggio e giugno sono state decise in contrasto con quanto stabilito dall'Articolo 22 del Protocollo. Inoltre, i due eventi pianificati per la fine di maggio, impedirebbero al team italiano di ultimare la preparazione a bordo dell'AC72.


La Giuria Internazionale ha dato tempo ad ACEA, al Golden Gate Yacht Club e a Iain Murray fino al 21 dicembre per depositare le proprie memorie.