La mediazione fa buoni progressi ma manca una soluzione definitiva



Gilles Martin-Raget / America's Cup Gilles Martin-Raget / America's Cup


Dopo quattro giorni si è conclusa la mediazione per raggiungere un accordo sull'attuazione delle trentasette raccomandazioni di sicurezza precedentemente emesse dal Regatta Director Iain Murray.

"I quattro team coinvolti si sono accordati sulla stragrande maggioranza delle raccomandazioni di sicurezza - ha dichiarato Bryan Willis, uno dei due membri della Giuria Internazionale che ha avuto la funzione di mediatore - E' stato utile e positivo e il tutto si è concluso al meglio, con soli due punti ancora da definire".

Tutte le trentasette raccomandazioni di sicurezza del Regatta Director Iain Murray, sviluppate in collaborazione con i team in seguito alla scuffia di Artemis Racing avvenuta il mese scorso, saranno parte integrante della domanda tesa al rilascio del Marine Event Permit e presentata alla Guardia Costiera degli Stati Uniti.

"Voglio ringraziare i mediatori per il loro lavoro - ha detto Murray – E’ stato un processo positivo, utile per ascoltare il punto di vista dei team in merito al discorso sicurezza”.

"Ma, come Regatta Director, ho un compito chiaro. Per me sicurezza è sinonimo di sicurezza per tutti. Punto. E’ per questo che supporto tutte le raccomandazioni originali: l’obiettivo è aumentare la sicurezza per tutti i velisti che saranno impegnati nel corso di questa estate”.

"Se le raccomandazioni di sicurezza saranno incluse dalla Guardia Costiera nel nostro Marine Event Permit sarà mia premura far emettere un Comunicato Ufficiale in modo da armonizzare i vari documenti al fine di riflettere chiaramente tali disposizioni”.

"Lavorerò con la Guardia Costiera, i team e le altre parti interessate per garantire un’America’s Cup sicura e di successo”.