Luna Rossa Challenge conquista il primo punto della sua Louis Vuitton Cup

GMR_AC34JulyD11_0749

GMR_AC34JulyD11_0689

GMR_AC34JulyD11_0738

GMR_AC34JulyD11_0764

GMR_AC34JulyD11_0822

GMR_AC34JulyD11_0829

GMR_AC34JulyD11_0834

GMR_AC34JulyD11_0845

GMR_AC34JulyD11_0863

GMR_AC34JulyD11_0904


Ieri pomeriggio Luna Rossa Challenge 2013 ha debuttato sul campo di regata dell’America’s Cup conquistando il primo punto valido ai fini della Louis Vuitton Cup, l’America’s Cup Challenger Series.

Con il vento fisso attorno ai 13 nodi, Chris Draper ha condotto l’AC72 argentato lung oil percorso di 12.07 miglia in 28 minuti e 58 secondi.

Dopo essersi consultato con il Comitato di Regata, il team italiano ha deciso di completare il percorso di cinque lati, più breve rispetto a quello di 16 miglia sul quale ha portato a termine le prime regate Emirates Team New Zealand tra domenica e martedì.

“Le condizioni erano leggere e instabili, ma sono sicuro che possiamo fare ancor meglio,” ha detto Max Sirena.

Luna Rossa ha toccato una velocità di punta di 36,13 nodi nel corso del primo lato di una regata che ha visto al via una sola barca. Artemis Racing, che avrebbe dovuto condividere il campo con il team italiano, è ancora impegnato ad eseguire i test strutturali sul suo AC72.

Illustrando la complessità di un AC72, Max Sirena ha spiegato come un problema a un componente del valore di un dollaro ha quasi impedito a Luna Rossa di poter scendere tra le boe con il suo multiscafo da svariati milioni di dollari.

“Abbiamo avuto qualche piccolo problema con il sistema dei daggerboard di dritta – ha spiegato Sirena – Un pezzo da un dollaro avrebbe potuto compromettere la nostra regata, ma alla fine abbiamo gestito l’avaria. Un contrattempo che avrebbe potuto incidere sull’esito di una strambata o di una virata, ma il nostro focus era finire la regata e sono contento che tutto sia andato per il meglio.”

Poco prima che Luna Rossa prendesse il mare, la Giuria Internazionale ha reso nota la sua decisione circa la protesta presentata dal team italiano e da Emirates Team New Zealand. La Giuria ha accolto la protesta, ma questo non fermerà le regate.

"Rispettiamo tutti la decisione della Giuria - ha detto il Regatta Director Iain Murray – E’ un’America’s Cup ricca di ingredienti e sono tanti gli amici che mi hanno chiamato per dirmi che hanno seguito con interesse le prime regate solitarie.”

"Quello che stiamo vedendo, quello che i velisti stanno facendo con queste barche, ha davvero portato l’America’s Cup e la tecnologia a un nuovo livello, e penso che tutti noi dovremmo essere orgogliosi di questo - ha detto Murray - Ma dobbiamo portarlo a termine. Abbiamo bisogno di avere due barche sul campo di regata e avremo una grande America’s Cup".
Sabato si dovrebbe assistere al primo match tra due barche, quando Luna Rossa Challenge 2013 ed Emirates Team New Zealand saranno protagonisti della prima regata del secondo Round Robin valido per la Louis Vuitton Cup.

“Sarà senza dubbio emozionante,” ha detto Sirena.