Luna Rossa Challenge supera Artemis Racing nella prima regata di semifinale della Louis Vuitton Cup

GMR_AC34AugD5_4615GMR_AC34AugD5_4222 GMR_AC34AugD5_4245 GMR_AC34AugD5_4265 GMR_AC34AugD5_4270 GMR_AC34AugD5_4406 GMR_AC34AugD5_4372 GMR_AC34AugD5_4284 GMR_AC34AugD5_4490 GMR_AC34AugD5_4509 GMR_AC34AugD5_4549 GMR_AC34AugD5_4678 GMR_AC34AugD5_4645

Luna Rossa Challenge ha superato un brillante Artemis Racing e il rischio generato dalla rottura di una parte del film rigido che copre la wing in occasione del primo duello di semifinale della Louis Vuitton Cup, l’America’s Cup Challenger Series.

Lo skipper Max Sirena e l’equipaggio di Luna Rossa hanno anticipato l’avversario di quasi due minuti al termine di una regata lunga 15,83 miglia e caratterizzata da un vento che ha soffiato attorno ai 16 nodi.

Prima della partenza il team italiano ha avuto il suo da fare per rimediare al parziale distaccamento del film, conosciuto come Clysar, che definisce la forma della wing. Il prodiere Nick Hutton ha tentato di rimediare all’inconveniente utilizzando del nastro adesivo, ma il problema ha creato grattacapi all’equipaggio di Luna Rossa per tutta la giornata.

“Ovviamente siamo molto contenti di aver conquistato il punto, ma il problema della wing ci ha tolto parte del sorriso perchè è un problema che non dovremmo avere a questi livelli – ha commentato Sirena – Ma in fondo è stata una bella giornata per noi. Credo che con questa vittoria ci siamo tolti un po’ di pressione da dosso e domani navigheremo meglio di oggi. Toccando ferro, non avremo problemi”.

Il confronto di oggi ha contrapposto l’esperienza di Luna Rossa al grande ritorno di Artemis Racing. Il team svedese ha patito un durissimo incidente lo scorso maggio, quando, in seguito alla scuffia del suo primo AC72, ha perso la vita il campione olimpico britannico Andrew Simpson.

Da allora Artemis Racing ha dovuto ricostruire il team e ha portato a termine in tempi rapidissimi I lavori sul secondo AC72, battezzato Big Blue in virtù della colorazione dei suoi scafi

Mostrando un leggero nervosismo, Nathan Outteridge ha vinto la partenza e ha doppiato la prima boa al commando, raccogliendo il supporto del folto pubblico presente nella San Francisco Bay.

“Abbiamo spinto moltissimo e siamo super orgogliosi di ciò – ha commentato lo skipper Iain Percy – Pensare di essere sul campo di regata con venti nodi d’aria dopo appena una settimana di navigazione è qualcosa che faceva parte dei sogni”.

Poco dopo aver doppiato la prima boa, gli svedesi hanno strambato navigando verso sinistra e la mancanza di esperienza si è fatta sentire. Nella manovra la barca ha smesso di “volare” sui foils e Luna Rossa, capace di restare sospesa nell’aria anche durante le manovre più estreme, ha ben presto messo le prue davanti.

“Come immaginavamo la maggior differenza di velocità la si è registrata alle portanti e in fase di manovra – ha spiegato Percy – Purtroppo la nostra barca non era nata per fare foiling. La posizione e la dimensione dei timoni, così come quella degli elevatori, rendono le strambate difficili, ma miglioreremo. Quando riusciamo a volare siamo veloci”.

Una volta al comando, Luna Rossa ha spinto sull’acceleratore e già alla boa successive godeva di un vantaggio prossimo ai 30 secondi.

Durante la bolina seguente Artemis Racing ha tentato di riaprire la partita, portandosi a 9 secondi dal leader, ma Luna Rossa ha chiuso la partita navigando velocissima in poppa, dove la media è stata di 4 nodi superiore rispetto a quella del team di Torbjorn Tornqvist. Una differenza dovuta in gran parte al miglior utilizzo dei foils.

“E’ una bella soddisfazione per il team. Siamo riusciti finalmente a conquistare il primo punto – ha commentato Chris Draper, timoniere di Luna Rossa – I mesi passati sono stati duri ma oggi abbiamo dimostrato di avere maturato esperienza grazie al lavoro duro. Non è stata la nostra regata migliore, ma abbiamo regatato bene e Francesco Bruni è stato attento e puntuale nelle chiamate”.

Gara 2 della semifinale è in programma domani alle 13.15 orario del Pacifico, le 22.15 italiane.

Louis Vuitton Cup Semifinal (serie al meglio delle sette regate)

  • Luna Rossa Challenge – 1

  • Artemis Racing – 0


La regata in numeri

  • Percorso: sette lati

  • Lunghezza: 15.83 mn

  • Tempi: LR – 43:20; ART – 45:20

  • Totale distanza coperta: LR – 18.78 nm; ART – 18.69 nm

  • Velocità media: LR – 26.04 kt; ART – 24.75 kt

  • Velocià di punta: LR – 39.19 kt; ART – 40.56 kt

  • Velocità del vento: media 16.1 kt; massima 20.4 kt


Programma regate, orario inizio 13.15 locali (22.15 italiane)

  • Mercoledì 7 agosto, Semifinale Race 2

  • Venerdì 9 agosto, Semifinale Race 3

  • Sabato 10 agosto, Semifinale Race 4