Defender e Challenger offrono emozioni al pubblico della baia di San Francisco

GMR_AC34sepD7_6259 GMR_AC34sepD7_6261 GMR_AC34sepD7_6277 GMR_AC34sepD7_6315 GMR_AC34sepD7_6327 GMR_AC34sepD7_6450 GMR_AC34sepD7_6505 GMR_AC34sepD7_6512 GMR_AC34SepD7_6924 08/09/2013 - San Francisco (USA CA) - 34th America's Cup - 08/09/2013 - San Francisco (USA CA) - 34th America's Cup - 08/09/2013 - San Francisco (USA CA) - 34th America's Cup - 08/09/2013 - San Francisco (USA CA) - 34th America's Cup -


Sono stati migliaia gli appassionati che hanno affollato il lungomare di San Francisco per seguire il secondo giorno di regate valide per la finale della 34ma America's Cup e godere di uno spettacolo unico e avvincente.

Già ieri erano stati 45.000 gli spettatori assiepati lungo i Pier 27/29 e all'America's Cup Village presso Marina Green. Altri avevano invece tratto vantaggio dai tanti punti di osservazione disseminati lungo la costa della baia. La quasi totalità di questa folla era presente anche oggi e a ripagarla ci hanno pensato ORACLE TEAM USA e Emirates Team New Zealand, protagonisti di due prove cariche di emozioni ed agonismo.

Defender e Challenger si sono spartiti la posta in palio. I kiwi hanno vinto la prima di 28" nonostante una penalità, sorpassando ORACLE TEAM USA dopo una lunghissima serie di virate. Gli statunitensi hanno trovato riscatto immediato facendo loro la seconda prova con un margine di 8", il delta più contenuto di questa America's Cup.

I kiwi guidano ora la serie 3 a 0, vista la penalità di due punti inflitta dalla Giuria Internazionale a ORACLE TEAM USA che, interrotta la serie vincente dei kiwi, può ora guardare con maggior serenità al giorno di riposo di domani,

James Spithill ha detto di essere rimasto deluso dalle partenze di sabato, dominate da Dean Barker. Lo skipper di ORACLE TEAM USA ha quindi deciso di trascorrere buona parte della sera assieme al coach Philippe Presti per analizzare nel dettaglio le dinamiche delle prime due procedure.

"È stato fantastico - ha commentato James Spithill dopo aver vinto la quarta regata di finale - E' bello vedere il team reagire in questo modo quando la pressione segna i massimi. Come al termine della prima prova: eravamo al comando e ci siamo fatti superare. Un team meno forte avrebbe ceduto nel corso della prova seguente".

Dal canto suo Barker ha sottolineato come il posizionamento delle barche in uscita dalla prima boa si sono rivelate determinanti sull'esito delle regate.

"È molto importante posizionarsi bene dopo la prima boa. Se ce la fai, sei molto più padrone del tuo destino - ha approfondito lo skipper di Emirates Team New Zealand - Non ci piace perdere, ma al tempo stesso gli spunti di riflessioni migliori arrivano proprio là dove siamo consapevoli di non aver lavorato in maniera perfetta".

Una delle cose che i kiwi studieranno con attenzione nel corso della giornata di pausa sarà il sorpasso messo a segno ai danni di ORACLE TEAM USA nel corso della bolina della terza regata, dopo essere passati in ritardo di 17" al cancello di sottovento.

ORACLE TEAM USA stava coprendo da vicino, ma Emirates Team New Zealand si è spostato sul lato sinistro del campo di regata. Dopo un duello di virate fisicamente  estenuante, Emirates Team New Zealand, avendo diritto di precedenza, a obbligato ORACLE TEAM USA a virare sottovento. Una volta in controllo, Emirates Team New Zealand, ha mantenuto il vantaggio e per il team statunitense non c’è stato più niente da fare.

Nella quarta regata, invece, James Spithill ha preso il comando delle operazioni sin dalle fasi iniziali, quando ha difeso con decisione l'interno al primo giro di boa, doppiata con un margine di 6" rispetto all'avversario.

Spithill ha riconosciuto la totalità dei meriti relativi al successo nella seconda regata al suo equipaggio: "Queste barche sono incredibilmente faticose. Per il team è uno sforzo senza fine. È per questo che è l'equipaggio a spostare l'ago della bilancia nella maggior parte dei casi".

Le regate valide per la finale della 34ma America's Cup riprenderanno martedì: le regate 5 e 6 si svolgeranno alle 13.15 (22.15 italiane) e alle 14.15 (23.15 italiane). In Italia sarà possibile seguirle in diretta tramite il canale YouTube della manifestazione.

Per vincere l'America's Cup sono necessari nove punti. Ciò significa che ai kiwi servono altre sei vittorie, mentre ORACLE TEAM USA deve vincere altre dieci regate essendo stato penalizzato dalla Giuria Internazionale di due punti.

34th America’s Cup - Risultati (vince il primo a 9 punti)
Emirates Team New Zealand – 3
ORACLE TEAM USA – 0

Regata 3 - I numeri
Percorso: 5 lati/9.94 miglia nautiche
Tempo percorrenza: ETNZ – 25'00", OTUSA – 25'28"
Delta: ETNZ +28"
Totale distanza percorsa: ETNZ – 11.8 miglia nautiche, OTUSA – 12.1 miglia nautiche
Velocità media: ETNZ – 28.57 nodi, OTUSA – 28.62 nodi
Velocità massima: ETNZ – 42.25 nodi, OTUSA – 41.37 nodi
Vento: Media – 16.8 nodi, Massima – 19.3 nodi

Programma
Martedì 10 settembre: Regata 5 (1:15pm PT, 22.15 ora italiana), Regata 6 (2:15pm PT, 23.15 ora italiana)
Giovedì 12 settembre: Regata 7 (1:15pm PT, 22.15 ora italiana), Regata 8 (2:15pm PT, 23.15 ora italiana)
Sabato 14 settembre: Regata 9 (1:15pm PT, 22.15 ora italiana), Regata 10 (2:15pm PT, 23.15 ora italiana)
Domenica 15 settembre: Regata 11* (1:15pm PT, 22.15 ora italiana), Regata 12* (2:15pm PT, 23.15 ora italiana)
(*Se necessaria)