ORACLE TEAM USA continua a sperare

GB_AC34_SepD19_974Z

GMR_AC34SepD19_4153

GMR_AC34SepD19_4234

GMR_AC34SepD19_4260

GMR_AC34SepD19_4293

GMR_AC34SepD19_4350

GMR_AC34SepD19_4382

GMR_AC34SepD19_4414

GMR_AC34SepD19_4442

GMR_AC34SepD19_4447

GMR_AC34SepD19_4505

San Francisco, 20 settembre - ORACLE TEAM USA ha conquistato il terzo punto nella finale della 34ma America's Cup, negando così a Emirates Team New Zealand la possibilità di conquistare la vittoria decisiva.

La giornata si era aperta con l'abbandono della prima regata per scadenza del tempo limite quando i kiwi, al comando sin dal via, erano titolari di un'ampia leadership.

"C'è poco da fare: non abbiamo completato il percorso nei quaranta minuti regolamentari - ha detto Dean Barker intervistato pochi minuti dopo l'annullamento della prova - A essere onesti, credo sia un vero peccato. Ma le regole sono regole. L'aspetto positivo è che in queste condizioni abbiamo navigato bene".

"E' meglio essere fortunati che bravi, certe volte. Questa è stata una di quelle - ha commentato Ben Ainslie, tattico di ORACLE TEAM USA - Ormai non potevamo inventare davvero più nulla".

Con la vittoria ottenuta nella regata seguente, decisa da una penalità inflitta ai kiwi durante il bordeggio di bolina e meritata dagli statunitensi in stato di grazia, il punteggio è ora di otto a tre per i kiwi, cui basta un solo punto per riportare a casa l'America's Cup.

Le regate riprenderanno sabato.