Tra Ritorni e Facce Nuove

'Newbies' Get Their Feet Wet In Venice © GILLES MARTIN-RAGET / ACEA


Quattro equipaggi si sono allenati nelle oggi nelle acque di Venezia in vista delle regate in programma nel corso della prossima settimana. A portare a termine la sessione sono stati anche i due equipaggi di Luna Rossa - Swordfish e Piranha - impazienti all'idea di prendere parte al loro secondo evento nell'ambito delle AC World Series.

Oltre agli equipaggi dello sfidante italiano, a saggiare il campo di regata sono stati Energy Team e China Team. Entrambi si sono presentati con skipper diversi rispetto a Napoli. I francesi si sono affidati al rientrante Loick Peyron, assente a San Diego e Napoli, mentre i cinesi hanno scommesso su Phil Robertson che, con i suoi venticinque anni, è lo skipper più giovane della flotta.

"Ci siamo allenati con Energy Team - ha commentato Robertson uno volta a terra - abbiamo fatto una serie di partenze e qualche speed test. Abbiamo imparato molto, specie in fatto di controllo della barca".

La gestione della barca è uno dei punti che impegna maggiormente i team meno esperti. I percorsi corti e stretti della nuova America's Cup mettono sempre a dura prova gli equipaggi e gli AC45, rapidi a trasformarsi in cavalli imbizzarriti quando il vento aumenta.

Ma a Venezia le previsioni sono di vento leggero, e questo dovrebbe aiutare China Team.

"Il controllo della barca con vento leggero è meno impegnativo, quindi le previsioni parlano una lingua a noi favorevole - ha sottolineato Robertson - Ma quando le raffiche passano i 10 nodi c'è da aspettarsi di tutto".

Secondo Loick Peyron, Robertson ha poco da preoccuparsi: "La curva di apprendimento non sarà così ripida per loro: sono giovani, molto bravi e imparano in fretta".