ORACLE TEAM USA inizia le selezioni per la Red Bull Youth America's Cup

© Guilain GRENIER / ORACLE TEAM USA


© Guilain GRENIER / ORACLE TEAM USA


© Guilain GRENIER / ORACLE TEAM USA


© Guilain GRENIER / ORACLE TEAM USA


Tra gli appuntamenti collegati alla prossima America's Cup ci sarà la Red Bull Youth America's Cup, in programma tra l'1 e il 4 settembre 2013. La Red Bull Youth America's Cup è stata creata per dare ai velisti di età compresa tra i 19 e i 24 anni l'opportunità di emergere confrontandosi in duelli stile Coppa America.

Una selezione dei team internazionali è programmata per il febbraio 2013, ma questa settimana ORACLE TEAM USA ospiterà sei equipaggi per definire quale sarà il team che rappresenterà gli Stati Uniti e San Francisco durante le regate del prossimo anno.

I sei team - American Youth Sailing Force, Ocius Racing, Quest for the Cup, Team America Racing, Team City Front and Winged Victory – raggruppano velisti da dieci Stati, tutti forti di esperienze pregresse su derive e in altura. Ogni team si compone di sei velisti, uno in più rispetto ai team di Coppa dato che i giovani talenti sono più leggeri rispetto agli atleti solitamente impegnati sugli AC45.

American Youth Sailing Force e Ocius Racing hanno completato la loro sessione tra lunedì e martedì e Darren Bundock, allenatore di ORACLE TEAM USA, si è dichiarato molto soddisfatto: "Nel corso dei giorni passati ci siamo divertiti. Avevamo solo due team ma siamo stati molto contenti di quanto abbiamo visto. Ora attendiamo di vedere anche gli altri per chiarirci le idee".

I giovani velisti vengono sottoposti a una sessione iniziale utile a capire come funziona un AC45: aiutano ad armare la barca e assistono al varo. In acqua, Darren Bundock dirige le operazioni da poppa, mentre un altro velista di ORACLE TEAM USA sovrintende alla zona prodiera dando indicazioni utili sul come portare la barca.

"Prima di uscire spieghiamo tutto per bene e una volta in acqua diamo consigli su come curare la messa a punto e su come portare la barca - spiega Bundock - Una delle riflessioni più diffuse è che a bordo le cose sono molo più complesse di quanto non appaiano in video. Dopo un'ora e mezza di navigazione erano tutti esausti.

Ian Andrewes, il 22enne skipper di American Youth Sailing Force, ha concluso la sua esperienza ed è molto fiducioso sul futuro: "Il mio approccio alla prima poggiata è stato particolarmente timido, ma col passare del tempo mi sono fatto più aggressivo al timone. Ora che abbiamo terminato la sessione e che ho visto il mio equipaggio al lavoro confido sulle nostre potenzialità".

ORACLE TEAM USA ospiterà ora Team America Racing e Team Cityfront, mentre Quest for the Cup e Winged Victory saranno di scena all'inizio della prossima settimana.